Processo tributario telematico. Manuale di utilizzo degli strumenti


Elaborazione e trasmissione dei documenti con firma digitale per tutti gli atti e i provvedimenti, anche per reclamo e mediazione.


Il processo tributario telematico pubblicato in Gazzetta stabilisce le modalita` di utilizzo degli strumenti informatici e delle comunicazioni, in particolare per l’utilizzo della pec e della firma digitale (smart card o token) e le marche temporali.

Prosegue l`attivita` di dematerializzazione dei flussi documentali, per una riduzione dei costi e dei tempi processuali e, in generale, un migliore servizio di giustizia tributaria.

Le disposizioni, contenute nel decreto Mef n. 163 del 23 dicembre 2013, entreranno in vigore dal prossimo 1° marzo, il rito telematico non e` obbligatorio ma, una volta operata la scelta, il contribuente e` tenuto a utilizzare le stesse modalita` fino al secondo grado del giudizio, salvo il caso in cui si verifichi una sostituzione del difensore.

– Sigit
Il Sistema informativo della giustizia tributaria (Sigit) e` la piattaforma informatica attraverso la quale e` possibile individuare la Commissione tributaria adita, il procedimento giurisdizionale attivato, il soggetto abilitato, la trasmissione/ricezione degli atti e documenti alla Commissione tributaria competente e la relativa attestazione, nonche` la formazione del fascicolo informatico.
Possono accedere al Sigit i giudici, le parti, i procuratori e i difensori.

– Notifica telematica
Le parti, nel ricorso o nel primo atto difensivo, dichiarano l`indirizzo di posta elettronica certificata che intendono utilizzare, eleggendo, cosi`, il proprio domicilio digitale. Presso l`indirizzo di Pec stabilito, confluiranno tutte le notificazioni e le comunicazioni telematiche. Tali atti si intendono perfezionati con la ricevuta di avvenuta consegna generata dal gestore della posta elettronica certificata del destinatario. Per i professionisti iscritti all`albo, l`indirizzo Pec deve coincidere con quello comunicato ai rispettivi ordini e collegi.

– Le regole tecnico-operative
Le successive regole tecnico-operative del processo via web saranno adottate con uno o piu` decreti direttoriali, il primo dei quali individuera` anche le Commissioni tributarie presso le quali trovera` applicazione la nuova modalita`.